Seleziona una pagina

la manutenzione e pulizia del PVC non richiederà particolari sforzi. Basteranno pochi passaggi ma importanti. Scopriamoli con Lacos Group Milano.

Il PVC

Prima di parlare di manutenzione e pulizia del PVC è giusto conoscere le basi del materiale.

Il PVC è un materiale plastico sintetico ricavato anche da materie prime naturali, utilizzato per la costruzione di infissi, complementi d’arredo, serramenti e pavimenti. È nato nei primi anni del novecento. Le sue principali caratteristiche sono la versatilità, durevolezza e praticità.

Inoltre, al giorno d’oggi è uno dei materiali plastici più usati e diffusi. Questo perché è molto utile in fase di progettazione di oggetti e complementi d’arredo, nell’edilizia.
La cosa che distingue maggiormente questo materiale sintetico dal resto dei materiali è che ha ottima efficacia come isolante termico e acustico.
In particolare è indicato per la realizzazione di porte finestre e serramenti. Che lo eleggono il prodotto chimico più sicuro anche grazie alle sue proprietà ignifughe.

Infine, un ultimo pregio del materiale è che ha un’altissima riciclabilità, tanto che potremmo definirlo amico dell’ambiente.

Manutenzione e pulizia del materiale generico

La principale avvertenza per le superfici fatte con il PVC è quello di non usare delle spugne e detergenti abrasivi. Questo perché potrebbe graffiare il materiale oppure togliere la sua caratteristica di lucentezza.

Qual è il principale metodo per la pulizia di questo materiale?
Per pulizia di infissi, oggetti, soprammobili e quant’altro la soluzione più indicata è mischiare una parte di aceto e 4 parti di acqua. Inserire il tutto in uno spruzzatore e bagnare la superficie. Attendere qualche minuto e passare un panno morbido.

In caso in cui il PVC abbia perso la sua normale lucentezza potresti ricorrere semplicemente a un sapone di Marsiglia. Usarlo bene su una spugna umida e cospargere con del bicarbonato.
In alternativa, se la superficie è bianca, si può ricorrere all’acqua ossigenata cosmetica diluita insieme al composto.

Manutenzione e pulizia del PVC: porte

Per quanto riguarda la pulizia delle porte, proprio come si fa col materiale generico basterà utilizzare un panno morbido e un comune detergente per stoviglie o uno sgrassatore diluito in acqua. Oppure affidarsi al composto formato da una parte di aceto e quattro parti di acqua.

Le porte in PVC sono caratterizzate da una superficie liscia che facilita la pulizia e la manutenzione. Per quanto riguarda le porte in vetro, per la parte vetrata è, preferibile usare la pelle di daino con dell’acqua calda.

Cosa non usare:

  • No ai detergenti aggressivi o con solventi (ad esempio l’acetone).
  • Non usare le sostanze abrasive o le spugne abrasive;
  • E infine, non usare i materiali rigidi come spatole, spazzole metalliche, spugne ruvide, ecc.

Pulizia e manutenzione del PVC: pavimenti

Anche se i pavimenti in PVC non richiedono troppa manutenzione, è buona cosa lavarli almeno una volta alla settimana. In questo modo potresti evitare sporco e polvere si accumulino.
Non temete è tutto molto facile, basterà un panno, un’aspirapolvere o una scopa, cose che potresti già avere in casa.

Per una pulizia invece un po’ più approfondita vi basterà aggiungere uno straccio umido o un comune mocio.  Usare solamente detergenti delicati immersi in acqua. I detergenti forti possono rovinare il pavimento. Una volta passato il mocio o lo straccio con il detergente, servirà una seconda passata solo di acqua per togliere il detersivo in eccesso rimasto per terra.

NON usare panni asciutti per accelerare la pulizia, ma aspettare che agisca il tutto in modo naturale. Potresti sennò rimuoverne il lucido.

Per una manutenzione perfetta del pavimento:

  • Togliere le scarpe prima di calpestarlo;
  • In secondo luogo basterà evitare detergenti abrasivi e fare una pulizia con un detergente più delicato una volta alla settimana;
  • Non sfregare troppo;
  • Non usare troppa acqua;

In caso versassi dei liquidi come acqua o succhi rimuovere immediatamente la macchia.

Manutenzione e pulizia del PVC: finestre

Per quanto riguarda la pulizia delle finestre in PVC la prima cosa da fare è quella di eliminare subito la polvere in eccesso usando un panno morbido.
Consiglio per non spendere nemmeno un soldo: cerca nell’armadio una vecchia maglia in cotone. Tagliandola e usando solo le porzioni di cotone morbido come panno per spolverare.

Per le finestre in PVC esistono kit di manutenzione specifici. Importante anche per quanto riguarda le finestre evitare detergenti aggressivi.

In caso non trovi dei kit di pulizia e manutenzione puoi sfruttare anche per quanto riguarda le finestre, il detergente naturale di aceto (1 parte) e acqua (4 parti). Versa il liquido all’interno di uno spruzzino e spruzza il composto sul telaio. Aspetta che agisce e pulisci con una pezza di cotone umida.

Per pulire le parti meccaniche in movimento, puoi scegliere uno spray alla vaselina, da lubrificare e mantenere sempre nuova la giuntura.
La pulizia in PVC dipenderà sempre però dal colore. Se hai una finestra con gli infissi bianchi la pulirai più spesso di altri colori.

Le persiane

Alla fine, la pulizia e la manutenzione delle persiane in PVC. Inoltre persiane in questo materiale, ti aiutano anche dal punto di vista dell’isolamento termico e del risparmio energetico.

Oltre ad avere bisogno di poca manutenzione, le persiane in PVC le pulisci facilmente con acqua e un comune detergente. Spazzola le fessure e gli angoli con un panno morbido. Usa un panno imbevuto di acqua e detersivo neutro per passare alle lamelle. Se le lamelle saranno regolabili, il lavoro sarà più veloce.

In caso di macchie ostinate, optare per un panno imbevuto di alcol denaturato. Non strofinare eccessivamente forte ma in modo ripetuto finché la macchia non sarà andata via.

Sconsigliati materiali abrasivi e sostanze aggressive, ricorda di usare sempre detergenti delicati.

Contatta Lacos per una soluzione su misura per la tua casa!